[page_title]

Carissimi, per informazione volevamo mettervi al corrente della situazione
attuale con il nuovo parroco Don Piero di Trevignano Romano Rm.
Martedì 19 luglio, Gianni ed io ed altri 30 fratelli abbiamo partecipato
alla S. Messa delle ore 18.00, da lui celebrata. Al termine ci siamo incontrati e
abbiamo chiesto gentilmente, se fosse possibile continuare la recita del S.
Rosario, il martedì pomeriggio in Chiesa, come facevamo di consueto da sei anni.  Con nostro grande dispiacere, Don Piero, si è dichiarato non disponibile ad accettare tale richiesta adducendo, come motivazione, il fatto che non ci conosceva bene, anche se in realtà fu il primo al quale ci rivolgemmo quando si manifestarono i primi segni antecedenti l’inizio delle apparizioni e fu, anche, nostro confessore. Purtroppo, il suo rifiuto appare al
momento irremovibile, pertanto la preghiera del Santo Rosario del martedì presso la Parrocchia di Trevignano Romano, viene provvisoriamente sospesa.
Ognuno di noi può capire con la semplic­ità dell’anima, la nostra amarezza, ma con il conforto della Madonna e di Gesù, il nostro cuore, rim­ane comunque nella pace e nella gioia e con umiltà accettiamo la decisione della Chiesa locale. La nostra missione continua inesorabile per la conve­rsione dei cuori e per portare anime a DIO.
Gisella e Gianni

Gesù cacciato dalla sinagoga
Ci sono momenti nella vita di un Pastore, a cominciare dal S. Padre, in cui sente necessario ‘alzare la voce’ per affermare la Verità, in un mondo che cerca di far valere la ‘sua verità’, che è menzogna e rischia di portare fuori strada tanti, voltando le spalle a Dio.
Sono momenti necessari e ‘guai a me – dice l’Apostolo – se non predicassi!
Occorre avere la consapevolezza di cui parla il Profeta Geremia oggi: “Prima di formarti – dice il Signore – nel grembo materno, ti conoscevo; prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato, ti ho stabilito profeta delle nazioni. Tu, dunque, cingiti i fianchi, alzati e dì loro tutto ciò che ti ho ordinato; non spaventarti alla loro vista, altrimenti ti farò temere davanti a loro. Ed ecco oggi faccio di te come una fortezza, come un muro di bronzo, contro tutto il paese, contro i re di Giuda e i suoi capi, contro i sacerdoti e il popolo del paese Ti muoveranno guerra, ma non ti vinceranno, perché Io sono con te per salvarti” (Gr. 1, 4-19).

Condividi

[wpsites_comment_form]